Vintage

il serratore

Consulta i vecchi numeri



dal numero 1 al numero 30

Cartoline d'epoca

J!Analytics

Ieri e oggi/ Chi è ignorante è guidato come gregge… PDF Stampa E-mail
Scritto da Enzo Viteritti   
Mercoledì 15 Dicembre 2010 08:53

Signor direttore, se non le dispiace mettiamo da parte la filosofia e la Letteratura e da un campo ideale passiamo a quello della realtà: parliamo un poco di politica e dell’Italia nostra che versa in pericolo – e se non erro senza uscire dal programma del nostro giornale. Se me lo permette dunque le espongo i miei timori e le mie speranze.

Prima di tutto faccio una domanda. Cosa ha fatto il Governo per la pubblica Istruzione?

Ogni uomo di buon senso e che non vuol mentire deve rispondere NULLA. E nulla poteva fare con quella misera somma messa nel Bilancio, che non aveva lo scopo di promuovere l’istruzione, ma incepparla coi Regolamenti e coi Programmi.

Al dovere di cercare i Professori dotti ed incoraggiarli, si sostituì il diritto di avversarli per innalzare una turba di pedanti che nulla sanno e nulla dovevano insegnare. Alla Libertà della Scienza fu sostituito il favoritismo.

Vede dunque signor Direttore che io non esagero se concludo che il Governo degli Eccellentissimi in questi sette anni ha attaccato la Libertà nella sua Essenza, cioè nella Libertà di pensare, perché chi è ignorante è guidato come gregge, e solo a questo si può ripetere la massima di Ferdinando II: Asini e Santi.

Queste parole furono scritte da LUIGI PATARI nel 1867, dopo appena sei anni dall’Unità d’Italia, sul PITAGORICO, il primo periodico locale di Corigliano. Sembrano, purtroppo di sconvolgente attualità. Di Patari, di Giovanni Andrea Vinacci e della loro idea dell’Italia di quel tempo si discuterà oggi, alle ore 17,00, nel corso di un incontro organizzato presso il Liceo Scientifico di Corigliano. Siete tutti invitati.